Futura Stella Next Star Futura Estrella – Joaquin Correa

Futura Stella Next Star Futura Estrella – Joaquin Correa

Futura Stella Next Star Futura Estrella

Joaquin Correa, Argentina 1994, Sampdoria

Ci sono giocatori che ti lasciano a bocca aperta appena li vedi, giocatori che hanno quel qualcosa in più, giocatori che non sono solo un tesoro di doti ad arte per giocare a calcio, ma hanno quella scintilla, quel qualcosa in più, quel non so che speciale. Si potrebbe parlare ore di innamoramenti di presidenti per quel talento o quell’altro, spesso buchi nell’acqua clamorosi. Uno di questi giocatori, Joaquin Correa, mi apparve all’improvviso durante un derby di La Plata, tra l’Estu e il Gimnasia. Visto e rivisto più volte la prima impressione che ti può sicuramente fregare non cambiava, quello era un ragazzo dal futuro scritto. Fisico atletico, rapido e dalla grande progressione, il pallone non glielo levava nessuno, riusciva ad arrivare sul fondo e mettere cioccolatini ai compagni, se non concludeva lui stesso con la sua tecnica cristallina. Joaquin ha tutto, tutto quel che serve per un giocatore che deve giocare sulla trequarti, dove può ricoprire sia il ruolo di centrale, sia quello di esterno. Ha esordito a 18 anni e Veron, uno che con qualche giocatore forte ha avuto la fortuna di giocare stravede per questo gioiello. A fine semestre in Argentina hanno bussato un po’ tutti, la Samp è riuscita ad avere la meglio, c’era l’Inter e c’era il City, che però avevano altre necessità, Correa sarebbe stato uno sfizio, e la società del pittoresco Ferrero si è assicurata quello che tutti gli addetti ai lavori hanno indicato come uno dei primi 3 talenti del florido calcio Albiceleste, che ogni campionato sforna decine e decine di calciatori pronti a decidere campionati e coppe Europee. L’esborso è stato importante, 8,2 milioni per un giocatore di 20 anni che ha ancora tanto da dimostrare, ma siamo sicuri che con la cura Mihajlovic e la sua classe, tra qualche anno quei milioni sembreranno una sciocchezza rispetto a quanto i top team saranno disposti a sborsare. Il paragone che viene subito all’occhio è con Lamela, meno tiro e più dribbling dell’ex Roma, stessa struttura fisica, stessa tecnica. Da Lamela per dire sono già transitati dai tempi del River ben 47 milioni per gli acquisti di Roma e Tottenham. Un appello, Sampdoria, hai in casa un tesoro, non sperperarlo!!

Riccardo Bartolommei