Portogallo U17 – Spagna U17 1-1 (6-5 dcr) Il Portogallo è Campione d’Europa!

Portogallo U17 – Spagna U17   1-1 (6-5 dcr)   Il Portogallo è Campione d’Europa!

Euro U17 2016

FINALE

Portogallo – Spagna 1-1 (6-5 dcr) (Dalot, Diaz)

Finale tra le due squadre che hanno mostrato maggior talento in questo Europeo U17. Ci aspettavamo forse un briciolo più di spettacolo, ma la paura ha fatto un po’ da freno alle talentuose compagini. Il Portogallo è partito forte, con un possesso palla preciso e incisivo, ed è passato con il terzino Dalot, a segno anche nella semifinale. La Spagna ha avuto subito un sussulto, ed è pervenuta al pari con Diaz che riesce a segnare anche di testa in questo suo eccezionale europeo. Da lì in poi la partita è stata equilibrata, le squadre non hanno creato particolari occasioni e la partita non è stata bellissima come ci attendavamo. I rigori sono serviti per decidere la coppa, e dopo 9 centri consecutivi è toccato al capitano spagnolo Morlanes l’onere di fallire il penalty decisivo. Il Portogallo così dopo 13 anni sale sul tetto d’Europa, con una squadra davvero interessante. Si chiude un Euro U17 che ci ha regalato davvero tantissimi ragazzi di grande prospettiva, siamo sicuri che convenga stamparsi molti dei loro nomi in testa, perché tra pochi anni faranno molto parlare di se

I MIGLIORI

Portogallo

Dalot 7: Un altro ottimo primo tempo, con un cross molto pericoloso e il gol, il secondo consecutivo che ne dimostra la totalità! Aveva una grande concorrenza nel ruolo di terzino destro, ma un posto nella TOP 11 del torneo è suo!

Spagna

Diaz 7.5: Segna addirittura di testa il gol del pari che rianima la Spagna, poi mille serpentine, non lo tengono proprio! Sarà lui il nostro TOP del torneo?…

LE PAGELLE

Portogallo

Queiros 7: Sicuro e bravo con la palla al piede il centrale del Porto, tackle di ottimo livello

Diogo Leite 6.5: Bello il duello con Ruiz, molto spesso ne esce vincitore con una gara solida e tranquilla

Vinagre 6.5: Molto bravo nel primo tempo, dribbling, scambi, accelerazioni, cross il tutto fatto con ottima qualità. Cala ancora nella ripresa, ma gioca una buonissima partita anche in fase difensiva

Florentino 6: Gara più di sostanza che di impostazione, fa sentire i muscoli

Fernandes 6: Buono il controllo del centrocampo nella prima frazione, nella ripresa cala e in generale non riesce a trovare giocate degne di nota

Quina 6.5: Buonissime le accelerazioni nel primo tempo che spaccano in due il centrocampo spagnolo, nella ripresa va bene al tiro ma gli esce centrale

Dju 5: Le doti sono buone, ma anche in questo match non riesce a trovare giocate interessanti

Joao Filipe 5.5: Anche lui è sicuramente uno dei ragazzi più interessanti del torneo, nella serata gli spunti degni di nota sono però pochissimi

José Gomes 5.5: Tanto movimento, non riesce però a concludere. Vince comunque il titolo di miglior marcatore!

Miguel Luis 6: Sostanza aggiunta al centrocampo con qualche buon recupero e anche uno spunto interessante in avanti. E’ un buon centrocampista

Spagna

Robles 5: Errori dietro e in avanti non è efficace come al solitoù

Subias 6.5: Solido match contro José Gomes

Chumi 7: Anche lui controlla bene gli avanti portoghesi, esce sovente palla al piede con grande padronanza. Difensore di buonissima leadership

Zabarte 5.5: Il gol viene ancora una volta dal suo lato, anello debole di questa difesa. Qualche buona uscita nella ripresa la regala

Morlanes 5: Non sicuro nella gestione come le precedenti uscite, ha l’onore di fallire il rigore che vuol dire sconfitta

Busquets 5: Il centrocampo è in mano al Portogallo, gara molto opaca

Mboula 6: La partenza sottolinea il suo difficile momento dopo un avvio entusiasmante. Un controllo sbagliato e due azioni che portano a nulla. Si riprende con il passare dei minuti e nella ripresa oltre a dare manforte dietro trova un paio di accelerazioni giuste

Garcia 5.5: Ormai titolare dopo il supergol nei quarti, non trova particolari spunti

Ruiz 5.5: Tanto movimento, non trova però conclusioni pericolose. Ragazzo che farà comunque strada

Martin 5.5: 10′ in cui non riesce a cambiare le sorti del match

Riccardo Bartolommei