Francia U19 – Italia U19 4-0 Blues troppo forti per gli Azzurri

Francia U19 – Italia U19   4-0   Blues troppo forti per gli Azzurri

Euro U19

Finale

Francia – Italia   4-0 (Augustin, Blas, Tousart, Diop)

Niente da fare, poco da dire. L’Italia che aveva fatto un miracolo ad arrivare alla Finale, superando squadre più accreditate come i padroni di casa della Germania e soprattutto l’Inghilterra Campione d’Europa U17 due anni fa, si scioglie in finale al cospetto di avversari obiettivamente troppo superiori. La partita si mette subito come non dovrebbe, Augustin fa a fette i centrali azzurri e dopo 6′ l’Italia è già sotto. Il gol dell 2-0 di Blas al 19° da la sensazione di mettere già una pietra tombale sul match. E in effetti l’Italia fa troppo poco per riaprire la gara, con la Francia che sembra giocare al gatto col topo. L’inizio di ripresa da un ulteriore schiaffo alle speranze azzurre, i Blues sprecano un sacco di palle gol e non danno neanche l’impressione di affondare con cattiveria. Il 3-0 arriva su tiro di Tousart deviato, nel recupero arriva il 4° gol che sa di lezione fin troppo dura. La differenza sta anche nel fatto che la Francia in sostanza ha 4-5 giocatori già pronti, fatti e finiti, l’Italia no, come sempre. Blues meritatamente Campioni, vediamo le pagelle di tutti i talenti impegnati, seguiranno come sempre i nostri speciali che vi diranno tutto su tutti i talenti del torneo

I MIGLIORI

Francia

Augustin 8: Segna un gol meraviglia che lo descrive in pieno. Controllo in corsa di qualità, dribbling di potenza e prepotenza fisica, passo. Il dribbling sul portiere è un mix di classe e freddezza, 1-0. La sua aura di onnipotenza lo porta a far bene anche in fascia dove passa sovente nella ripresa, quando nelle precedenti gare aveva fatto più fatica. Capocannoniere del torneo, giocatore di lusso

Italia

Favilli 6: NUOVO TALENTO: Centravanti classe 97 del Livorno. Buon fisico, piuttosto grosso da prima punta, buon colpo di testa, buona qualità e forza, sa far bene la sponda. E’ un ragazzo interessante, ha passato l’ultima stagione in prestito alla Juventus dove ha fatto “faville” segnando 29 GOL con 8 ASSIST in tutte le competizioni esordiendo anche in Serie A. Gioca una partita generosa, buono un colpo di testa nel primo tempo sul 2-0, azione più pericolosa degli Azzurri. Nervoso nel finale

LE PAGELLE

Francia

Bernardoni 5.5: Un errore quando esce nel primo tempo e perde la palla, impacciato nella ripresa quando calcola male un rimbalzo della palla che tocca la traversa. Bene sull’unica conclusione azzurra, di Cassata

Michelin 7: Il cross per il 2-0, il piede è educato e chiude l’Europeo con ben 3 ASSIST pur avendo saltato una partita

Onguene 6.5: Sicuro nelle chiusure con gli avanti italiani che solleticano poco

Diop 7: Un po’ falloso e ammonito, ma timbra la finale con il gol che chiude il tabellino

Maouassa 7: Ancora bravissimo, pennella per il 4-0 di Diop

Tousart 7.5: Partita sontuosa che ne conferma la crescita di condizione. Sembra un gigante a cospetto dei centrocampisti italiani, spezza e riparte con forza, segna anche il gol che chiude definitivamente il match con deviazione

Poha 6.5: Solita sostanza unita a buona qualità, anche se sbaglia nelle rifiniture e in alcune conclusioni

Harit 8: Che partita! Gli azzurri non lo vedono neanche dipinto, riparte con una classe e una freschezza clamorose. Suo il magnifico filtrante per il primo gol e il tocco per Tousart sul 3-0

Blas 8: Magnifico interprete! Segna il 2-0 di testa, gabbando la difesa, quella stessa difesa che poco dopo fa a fette in slalom. Nella ripresa spara da fuori, gioca un calcio splendido con una facilità incredibile

Mbappé 7: Arriva tante volte vicino al gol che lo porterebbe primo in graduatoria bomber con il compagno Augustin, non concludendo con la necessaria cattiveria. Rebus per i difensori italiani, un dribbling con sombrero nella ripresa da ululato

Gelin NG: NUOVO TALENTO: Difensore centrale-Mediano del Rennes classe 97. Entra da mediano, ha fisico, posizione e sembra saper giocare anche bene la palla

Italia

Meret 6: Incolpevole sui gol, per il resto para soprattutto sulla punizione di Augustin e su qualche conclusione di Mbappé

Vitturini 5: Mbappé è un rebus irrisolvibile per lui

Romagna 5.5: Non è abbastanza cattivo sul primo gol, non riesce a fermare Augustin in combutta con Coppolaro. Sul secondo arriva tardi su Blas ma è Coppolaro che dovrebbe coprirgli quella zona e lui può poco. Per il resto tampona, rimane un ragazzo di interesse

Coppolaro 4.5: Battuta a vuoto, se nel primo gol se la cava con il concorso di colpa, sul secondo è colpevole senza ma e senza se, rimanendo troppo alto sul cross di Michelin diretto a Blas, doveva chiudere di posizione lo sbocco sul primo palo. Fisicamente non può stare con Augustin

Dimarco 6: Non al meglio fisicamente, Blas parte dalla sua parte ma si accentra molto quindi avrebbe spazio per attaccare. Lo fa non trovando grosse soddisfazioni. Il suo rimane un super Europeo

Barella 6: NUOVO TALENTO: Centrocampista 97 del Cagliari. Ecco un altro ragazzo interessante, su cui poter lavorare. E’ un centrocampista che ha buona posizione, buoni piedi, buonissimo lancio, sa contrastare e impostare. Può essere un bravissimo mediano davanti alla difesa. Lotta e qualche lancio è molto bello

Ghiglione 4.5: Dispiace ma continua a non convincerci e francamente ci chiediamo perché Vanoli tolga Picchi (più centrocampista) per passare a 3 in mezzo e soprattutto Minelli prima di lui… Non si vede MAI

Locatelli 5.5: Qualche tocco lo fa ma non riesce ad illuminare il gioco azzurro. Resta un ragazzo di grande interesse

Picchi 5: Schierato ancora a sinistra non trova giocate e quando potrebbe passare interno per cambio di modulo Vanoli lo toglie

Minelli 5.5: Si vede che è bravo, e molto. Purtroppo il fisico è ancora un po’ leggerino, la classe però c’è e anche il dribbling è buono come dimostra in alcune giocate. Sembra uno dei più in palla nel primo tempo ma Vanoli toglie lui prima di altri…

Cutrone 5.5: Entra nell’intervallo, corre e ci prova ma compiccia poco

Edera 5.5: NUOVO TALENTO: Ala 97 del Torino. Ha fisico e buona corsa, buono anche il piede. Gli manca un po’ di spunto, ma è un ragazzo su cui poter lavorare. Non riesce ad invertire il trend della gara

Cassata 6: Suo l’unico tiro in porta dell’Italia, una bella conclusione senza pensarci troppo da fuori che Bernardoni respinge. Rifila anche una stecca a Michelin reo di aver litigato poco prima con Favilli, dimostrando carattere

Riccardo Bartolommei