Atletico Nacional – Sao Paulo 2-1 Finale 27 anni dopo Higuita e Maturana!

Atletico Nacional – Sao Paulo   2-1   Finale 27 anni dopo Higuita e Maturana!

Copa Libertadores 2016

Atletico Nacional – Sao Paulo   2-1 (Calleri, Borja 2)

27 anni dopo Higuita, Maturana e quella finale di Intercontinentale con il Milan a Tokio decisa da Chicco Evani nel finale dei supplementari, l’Atletico Nacional di Medellin riconquista la finale di Copa Libertadores con una squadra davvero interessante che gioca un gran calcio. Vedere le trame ricamate dai colombiani è raro per il calcio sudamericano, fatto spesso di corsa e grinta abbinate al talento puro. A farne le spese il Sao Paulo che va detto partiva certamente sfavorito dopo il 2-0 rimediato in casa all’andata. Eppure gli uomini di Bausa passano quasi subito con Calleri, bravo a deviare in porta un cross dell’ex Lione e Roma Bastos (6.5). Il gol sembra cambiare l’inerzia del doppio confronto, nei padroni di casa subentra la paura, la consapevolezza di poter farcela da la spinta ai brasiliani. Nulla di tutto ciò invero, l’Atletico non accusa e anzi trova quasi subito il gol del pari, Berrio lancia l’ex Livorno Borja che resiste al contrasto di Rodrigo Caio e fa secco Daniel con un gran rasoterra in diagonale. Il Sao Paulo prova a tornare in partita con Calleri che ha una buona occasione ma di testa a 2 metri dalla porta colpisce la traversa. Marlos Moreno ha due grandi chances, soprattutto la seconda ma da due passi calcia incredibilmente alto. In chiusura di primo tempo l’episodio che fa discutere. Bastos trova Hudson davanti alla porta, la spinta da dietro di Bocanegra è leggera ma c’è, l’arbitro lascia correre, il Sao Paulo non la prende bene. Nella ripresa Bausa prova a sbilanciare i suoi con l’ingresso di Kardec ma il Nacional così va a nozze e trova occasioni su occasioni mentre i brasiliani faticano a creare pericoli. Marlos Moreno trova Borja che controlla alla grande e salta anche Daniel, Berrio calcia di prima intenzione ma trova sulla linea Bruno che incredibilmente salva. Ancora Marlos Moreno (andrà al City?) fa il diavolo a 4 sulla destra, rientra e calcia sfiorando il palo. Arriviamo così all’episodio che decide il match in senso definitivo. Cross di Berrio, braccio (largo) di Carlinhos, rigore che Borja trasforma con esecuzione perfetta. Seconda doppietta in queste semifinali per il bomber che sembra finalmente esploso. Il Sao Paulo non ci vede più, sentendosi tremendamente derubato e sfoga la sua rabbia sull’arbitro. Risultato, espulsi Wesley (4.5) e Lugano (4), gara praticamente finita, Medellin in festa

I MIGLIORI

Atletico Nacional

Borja 8: 8 come le presenze nella nostra Serie A, senza gol. Dicevano che non segnava, ne ha fatti 4 in 2 partite di semifinale, lo avevamo visto impacciato tecnicamente, anche in quello sembra aver posto rimedio. Doppietta decisiva da subentrato all’andata, dopo un gran progressione scarica in porta un sinistro rabbioso per l’1-1 che riporta la tranquillità in casa colombiana. Nella ripresa super controllo, dribbling sul portiere, arriva Berrio in corsa che dovrebbe solo spingere ma colpisce Bruno sulla linea. La chiude allora su rigore, calciato al sette spiazzando anche il portiere, cosa chiedergli? La finale lo consacrerà?

Sao Paulo

Calleri 6.5: Bellissimo il gol di testa, ne sbaglia uno sull’1-1 e qui fa un grosso errore. Dialoga bene con i compagni, si conferma attaccante che vede la porta e sa anche giocare per la squadra, con sponde di buona qualità. L’Europa, ora, lo attende

LE PAGELLE

Atletico Nacional

Sanchez 6.5: NUOVO TALENTO: Difensore centrale classe 96. Già preso per 5 milioni dall’Ajax, unisce un gran fisico a ottima rapidità e progressione. Anche con i piedi non è male ed è molto bravo di testa, con doti di elevazioni non indifferenti. Può diventare un difensore davvero completo, dovrà lavorare tatticamente e continuare a migliorare a livello tecnico per l’Europa

Andrés Flores 6.5: NUOVO TALENTO: Centrocampista 90 di El Salvador. Centrocampista piuttosto bravo nelle due fasi, ottima posizione, buona propensione al contrasto e piedi discreti per impostare. Gioca una buona partita in mezzo

Perez 6: NUOVO TALENTO: Regista classe 93. Buon fisico e gran lancio per questo talento che dimostra di avere grandi idee anche se non è al meglio e non gioca una delle sue migliori partite. Cercato in Europa pare da squadre del calibro del Siviglia

Berrio 7.5: NUOVO TALENTO: Ala classe 91. Ottimo fisico, buona qualità, progressione e dribbling per questa ala che gioca una buonissima partita. Bella la verticale per il primo gol di Borja, crossa poi per l’occasionissima di Marlos. Nella ripresa ha la grande chances di chiuderla ma spara addosso a Bruno appostato sulla linea, si procura poi il rigore con il cross deviato con il braccio da Carlinhos

Marlos Moreno 6.5: Parte subito con il gas acceso, prendendo diversi calci. Ha la colpa di fallire due occasioni (una grossa) nel primo tempo, avrebbe dirottato la partita su ben altri binari. Nella ripresa si riaccende e dapprima offre una bella palla per Borja (occasione di Berrio), poi è protagonista di una bella azione personale, rientra e spara di sinistro andando vicino al palo opposto. Pare che il City lo abbia praticamente preso, è un 96 e l’investimento è sicuramente oculato

Aguilar NG: NUOVO TALENTO: Difensore centrale classe 93. Buon fisico, alto e longilineo, abbastanza rapido. Da rivedere

Sao Paulo

Rodrigo Caio 5: NUOVO TALENTO: Difensore centrale classe 93. Le doti fisiche e tecniche non sono affatto male. Anche di testa sa dire la sua, deve migliorare nel contrasto con il corpo (primo gol di Borja, neanche lo sente…) e in alcuni posizionamenti. Ha comunque le doti per farlo

Thiago Mendes 6: Lotta in mezzo al campo confermando una buona completezza

Centurion 6: Finché ne ha offre saggi del suo talento, con diversi spunti in dribbling davvero degni di nota che creano un paio di ottime superiorità numeriche. Cala nella ripresa e Bausa lo toglie

Luiz Araujo 6: NUOVO TALENTO: Ala-Trequartista-Attaccante classe 96. Ottima impressione, ragazzo leggerino ma che ha grande tecnica, dribbling e fantasia. Può essere il nuovo Lucas che da tempo aspetta il Sao Paulo. Parte esterno a destra e dimostra di saperci fare

Riccardo Bartolommei